TORRI

Quale il senso della guerra al giorno d'oggi? In un mondo in cui il terrorismo è come un nuovo cavallo di Troia, gli dei commentano dall'olimpo dei media e tutti diventiamo testimoni nel coro dei social.

 

Una libera riscrittura del mito da Le Troiane nelle versioni di Euripide e Seneca, per parlare di chi sopravvive al crollo delle torri. Quelle di ieri e quelle di oggi. A partire dal World Trade Center, tra i simboli più forti della tragedia contemporanea.

Uno spettacolo che unisce performance dal vivo, installazione visiva e inserti multimediali, con la partecipazione di interpreti professionisti e non. Nuova torre di Babele che mescola lingue e linguaggi, da quelle straniere a quella dei segni.

Which is the sense of war nowadays? In a world where terrorism is like a new Trojan horse, gods speak from the new Olympus of Media, and a we all become a chorus witnesses through the social of our mobiles.

A re-adapation based upon Euripides and Seneca's Trojan Women, to tell the stories of those who survive after the fall. Towers from the past and the present. Like the Twin Towers in NYC, one of the strongest images of contemporary western tragedies.

A show that combines live performance, art installation and multimedia. With the participation of both professional and no-professional actors. A new Babel Tower that mixes up different languages, from foreign ones to sign language.         

multimedia | multilinguage | participatory

ph. Luciano Paselli

Installazione Installation Oltre la catastrofe Beyond the catastrophe | Andrea Benetti & Lanfranco Di Rico

crediti credits

Regione Emilia Romagna | Provincia di Bologna | Bologna Estate | John's Hopkins University | Articolture | Andrea Benetti Archive Foundation

© 2018 by alessandrotampieri